ROTATOR NON TOCCARE

INVERNIZZI

PROMESSI

AdSense

Daspo urbano contro il degrado in città? La proposta della Lega

Comune: Erba

di C.Franci

Pattuglie dei Carabinieri in stazione a Erba domenica pomeriggio

 

ERBA – “L’ho già detto, Erba deve essere ripulita da ladri e spacciatori. Mi impegnerò a fondo per perseguire questo obiettivo e già qualcosa dopo i miei sopralluoghi dei giorni scorsi si è mosso: domenica pomeriggio alla stazione di Erba c’erano ben tre pattuglie dei Carabinieri. Anche questa mattina, lunedì, ci sono stati nuovi controlli: con la Lega si riga dritto”.

Continua la ‘battaglia’ del consigliere comunale e deputato leghista Eugenio Zoffili contro il degrado in alcune aree sensibili della città, a partire dalla Stazione di Erba.

Sabato e domenica Zoffili ha effettuato alcuni sopralluoghi presso lo stabile di Piazza Padania, sia durante il giorno che la sera: “Come al solito la stazione è ‘ben fornita’ di gente per nulla rassicurante – ha commentato – pochi giorni fa ho presentato un’interrogazione al Ministero dell’Interno per portare all’attenzione del Governo la situazione sicurezza presso la nostra stazione. Non mollo fino a che non vedrò miglioramenti e i cittadini di Erba e i pendolari frequentare senza paura la stazione”.

Il consigliere e parlamentare Eugenio Zoffili

Nella ‘ricetta’ di Zoffili anche due richieste al sindaco di Erba Veronica Airoldi: l’emissione, in via sperimentale, di un’ordinanza che vieti il consumi di alcool nell’area della stazione e, se necessario, il provvedimento di Daspo urbano (l’allontanamento, dal posto della condotta illecita o addirittura dalla città per un periodo di tempo variabile, ndr) per chi disturba, molesta e contribuisce al degrado cittadino.

“Mi batterò per queste due cose – ha sottolineato Zoffili – in piazza della stazione non è raro vedere gruppetti di persone ubriache e ciondolanti, sia stranieri che italiani. Basta. La mia proposta è quella di vietare in quell’area l’uso di alcolici, almeno in forma sperimentale per un mese e vedere come va. Per chi molesta, disturba, compie atti contrari alla pubblica decenza e in generale mina la sicurezza dei cittadini e la vivibilità della città, invece, propongo l’applicazione del Daspo Urbano, già in vigore in altri comuni”. Il Daspo prevede, a seconda della gravità della violazione, una sanzione o l’allontanamento dell’individuo.

Il sindaco Veronica Airoldi

“Come ho già avuto modo di dire, la priorità per Erba è la sicurezza, le nostre forze devono concentrarsi contro ladri e spacciatori – ha concluso Zoffili – colgo l’occasione per ringraziare tutte le forze dell’ordine per il loro lavoro di presidio costante che non mancherò di sollecitare e grazie al Sottosegretario Nicola Molteni sempre sensibile alle istanze del territorio”.

Dal canto suo, il sindaco Veronica Airoldi ha parlato di “dover effettuare approfondimenti necessari” prima di emettere un’ordinanza o un provvedimento di Daspo Urbano. “Sono strumenti che abbiamo a disposizione – ha commentato – ma prima di metterli in atto dobbiamo fare degli approfondimenti che implicano anche la valutazione dell’impatto di alcune scelte. Le ordinanze vanno firmate se motivate, altrimenti possono essere fonte di ricorsi impegnativi da affrontare. Del Daspo Urbano ho già parlato sul tavolo della Prefettura insieme ad altri comuni che affrontano i nostri stessi problemi in termini di sicurezza urbana, quali Olgiate, Mariano e Cantù. Va capito come applicarlo in maniera corretta per evitare spiacevoli conseguenze” ha concluso.

Print Friendly, PDF & Email

11 Marzo 2019 — 16:20 / Attualità, Erba
© Riproduzione riservata

Le news delle ultime 24 ore