Erba

Erba. Ecco il nuovo Cab Polidiagnostico: “Centro all’avanguardia”

Miryam Colombo 7 Settembre 2022

Attualità, Erba

ERBA – Un centro all’avanguardia e pronto ad accogliere le esigenze dei cittadini. Questo è e sarà il nuovo centro Cab Polidiagnostico, la struttura inaugurata nella mattinata di oggi, mercoledì, in via del Lavoro.

Nata in Brianza circa 40 anni fa, la realtà di Cab Polidiagnostico conta oggi 400 medici e 150 dipendenti distribuiti in 6 poliambulatori e 18 punti prelievo nelle province di Lecco, Como e Monza e Brianza. Un lungo percorso fatto di numeri, ma soprattutto “di tante storie e di persone eccezionali”, come è stato sottolineato durante la presentazione, e che ha portato alla nascita di nuovi centri, ai Glab e alla sede di Erba che si affianca alla storica (aperta nel 2017) di via Battisti dove continuerà il servizio di prelievo e verranno attivati quelli di odontoiatria e di medicina del lavoro.

L’assessore Alessio Nava

 

Al taglio del nastro di questa mattina hanno presenziato diverse autorità. In rappresentanza del Comune di Erba l’assessore Alessio Nava: “Grazie per l’investimento che avete voluto fare sul territorio di Erba – ha dichiarato -. Credo nell’importanza di lasciare al cittadino la possibilità di scegliere tra pubblico e privato, quindi ben vengano queste strutture che hanno avuto un ruolo importante anche durante la pandemia”.

L’assessore regionale Alessandra Locatelli

 

A seguire hanno poi preso parola l’assessore regionale alla Famiglia, Alessandra Locatelli, che oltre ad aver sottolineato il valore della sinergia tra pubblico e privato per garantire servizi, ha posto l’accento sulla scelta di Cab di fare rete con le associazioni e gli enti del territorio anche in un’ottica di prevenzione e il presidente del Consiglio regionale, Alessandro Fermi.

Il presidente del Consiglio regionale Alessandro Fermi

 

Quest’ultimo ha commentato: “Vi ringrazio per questa iniziativa. Si è parlato di Erba, ma questo centro avrà l’ambizione di coprire il territorio dell’erbese e sarà un punto di riferimento che aiuterà il pubblico grazie anche alla sua rete. So che lavorate molto con le associazioni sportive e con quelle attive a livello sociale: è un’occasione da sfruttare e bisogna mettere a conoscenza le famiglie della possibilità di accedere a questi servizi”.

Se salute, diagnosi e cura rappresentano le peculiarità del servizio di Cab, la prevenzione e la disponibilità a creare reti assumono un ruolo di primaria importanza come testimoniano le numerose iniziative a riguardo: “Cab Polidiagnostico punta all’innovazione e alla sinergia con il proprio territorio – è stato ribadito nella cerimonia -. Sono moltissime le occasioni di collaborazione tra associazione locali e sportive non solo per quanto riguarda la sanità, ma anche nell’ambito di progetti solidali a fianco delle comunità. Proprio qui, martedì 17 settembre, si terrà il Cab Pink Day, promosso in collaborazione con Fondazione Veronesi per sensibilizzare alla prevenzione al tumore al seno”.

Paolo Godina

 

A chiudere gli interventi è stato poi il direttore Paolo Godina: “In questi anni abbiamo compreso che dobbiamo fare ciò che la popolazione ci chiede – ha dichiarato -. Quindi la nostra fortuna è riuscire a offrire un servizio che la popolazione cerca e poi compra. Il territorio erbese è stato una sfida: abbiamo avuto una buona risposta grazie alla fiducia che gli erbesi ci hanno accordato e ora aumentiamo i servizi. Questo è possibile grazie a coloro che si affidano a noi e al team di 150 persone che lavorano in Cab, tutte indispensabili”.

Una realtà, dunque, in continua crescita: dopo l’ampliamento e l’arricchimento del laboratorio con le sezioni di microbiologia e virologia, il nuovo centro di Biassono e 4 punti prelievo nel 2021, il 2022 si è aperto con la sede di Merate e i Glab di Mariano Comense, Lentate sul Seveso per poi proseguire con la nuova sede di Erba e, entro la fine dell’anno, la realizzazione di un polo direzionale.

La mattinata si è quindi chiusa con la benedizione della nuova sede da parte del prevosto di Erba, mons. Angelo Pirovano, che ha ricordato il valore della cura della persona, con il taglio del nastro e la visita della struttura.