ROTATOR NON TOCCARE

INVERNIZZI

AVIS

Lecco. Bivaccavano sui mezzi dismessi dei VVF, fermati dalla Polizia

Comune:

I mezzi dismessi dei VVF sui quali bivaccavano le tre persone fermate (foto LeccoNotizie.com)

 

LECCO – Bivaccavano nell’area dove sorgerà la nuova caserma dei Vigili del Fuoco e facevano i propri bisogni sui mezzi dismessi dei pompieri.

A seguito di alcune segnalazioni gli agenti della Polizia di Stato, nel pomeriggio del 16 gennaio, sono andati in via Don Ticozzi, in zona Bione, all’interno dell’area demaniale adiacente ai campi sportivi.

L’area era apparentemente priva di persone e con il cancello chiuso. Gli agenti, insieme al personale dei Vigili del Fuoco, hanno fatto una ispezione trovando un cittadino straniero che dormiva all’interno di uno dei veicoli in deposito.

Era un 29enne di origini nigeriane, regolare sul territorio nazionale, tranquillo e collaborativo. Durante il controllo, però, hanno notato un’altra persona che, scavalcando la recinzione dal lato della pista ciclabile, si stava introducendo nell’area.

Questa seconda persona, priva di documenti, è stata accompagnata in Questura per accertamenti.

Nel frattempo i Vigili del Fuoco hanno segnalato l’arrivo di un terzo uomo che, incurante della presenza degli agenti, si è diretto verso i veicoli in sosta rifiutandosi più volte di esibire i documenti.

Con atteggiamento sprezzante e stizzito, poi, è entrato in un autoveicolo da cui ha preso i suoi effetti personali e si è allontanato. Una volta raggiunto l’uomo è diventato improvvisamente violento spintonando gli agenti che lo invitavano alla calma. Poi ha colpito un poliziotto al volto con una valigia rigida.

Quindi è nata una colluttazione e alla fine è stato immobilizzato. Durante la colluttazione sono rimasti feriti due agenti con prognosi rispettivamente di 5 e 10 giorni.

O.B., 25enne di origini nigeriane, irregolare sul territorio nazionale, è stato accompagnato  in questura e arrestato per violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale.

L’altro uomo precedentemente accompagnato in Questura, E.M. 26enne nigeriano, è stato invece denunciato all’Autorità Giudiziaria per il reato di ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato.

Nella mattinata di oggi, 17 gennaio, nel Tribunale di Lecco si è svolto il rito direttissimo, il giudice ha convalidato l’arresto di O.B. e ha applicato la misura della custodia cautelare in carcere in attesa di giudizio.

Print Friendly, PDF & Email

17 Gennaio 2019 — 18:30 / Cronaca, Fuori provincia
© Riproduzione riservata

Le news delle ultime 24 ore