ROTATOR NON TOCCARE

INVERNIZZI

Promessi

‘Disoccupati’ in Italia ma lavoravano in Svizzera: denunciati dalla GdF

Comune: Como ,

COMO – Disoccupati? Non proprio. I soggetti in questione ricevano la N.A.S.P.I. più nota come indennità da disoccupazione, ma di fatto avevano un regolare impiego sul territorio della Confederazione Elvetica. A scoprirli e denunciarli è stata la Guardia di Finanza di Olgiate Comasco.

Gli accertamenti sono stati eseguiti nei confronti di lavoratori frontalieri i quali, nonostante fossero destinatari della predetta indennità sociale, risultavano essere ancora in possesso del permesso di lavoro “G” rilasciato dalle Autorità elvetiche.

Tale circostanza ha permesso di approfondire, attraverso controlli incrociati di banche dati e riscontri documentali, le posizioni contributive e previdenziali relative ad 8 cittadini per i quali non risultava interrotta la carriera assicurativa in Svizzera, testimonianza di una prosecuzione dell’attività lavorativa in concomitanza con i periodi di percezione dell’assegno di disoccupazione.

I controlli hanno preso in considerazione le indennità erogate negli anni 2016, 2017 e 2018 ed hanno permesso di accertare indebite percezioni di vari importi, a seconda dell’entità dell’assegno di disoccupazione (dai 5.000 € sino ai 20.000 € annui), per un totale di 105.000 euro.

Gli 8 cittadini italiani sono stati denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Como

Print Friendly, PDF & Email

14 Giugno 2019 — 15:25 / Como, Cronaca
© Riproduzione riservata

Le news delle ultime 24 ore