ROTATOR NON TOCCARE

INVERNIZZI

PROMESSI

AdSense

Allerta meteo, previsti forti temporali di forte intensità

Comune:

ERBA – In arrivo temporali forti e anche grandine. A lanciare l’allarme, annunciando l’attivazione di fenomeni temporaleschi sparsi, localmente di forte intensità e con rischio grandine, è il centro meteorologico lombardo.

I fenomeni temporaleschi dovrebbero concentrarsi in prevalenza tra le medio-alte pianure e il settore prealpino/pedemontano, coinvolgendo in maniera netta anche il comasco. L’allerta meteo scatterà dopo mezzogiorno, quando la spinta frontale sud-occidentale tenderà a liberare i cieli delle pianure centro-meridionali, determinando una vivace avvezione secca da Sud-SudOvest in risalita verso le Alpi. In mattinata infatti la Lombardia dovrebbe essere interessata solo al transito di nuvolosità più o meno compatta, con tempo generalmente asciutto fatta eccezione per l’angolo nord-occidentale (Verbano, Canton Ticino, Lario occidentale) dove saranno possibili rovesci sparsi. Tra le 14 e le 18 è atteso il picco del fenomeno temporalesco.

“Spingendoci più nel dettaglio, possiamo individuare due macro-aree dove le condizioni per lo sviluppo di temporali è più favorevole. Ovvero la bassa Comasca, il Triangolo Lariano, il Lecchese, la Bergamasca e Iseo, con estensione meridiana fino al Lodigiano, Cremasco ed estremo est Milanese – spiegano gli esperti del Centro meteorologico lombardo -. Interessati dall’allerta meteo anche il Gardesano e il Mantovano centro-orientale”. Esclusi dai fenomeni temporaleschi, quanto meno quelli più intensi, la zona delle pianure centro-meridionali, fatta eccezione per la classica linea di convergenza che segue il basso corso del fiume Adda mentre il Milanese è al limite della fenomenologia significativa, che potrebbe lambirlo verso nord (Saronnese, Brianza) e verso est. Dal tardo pomeriggio in avanti,  i fenomeni (a prevalente carattere di rovesci residui) dovrebbero ritirarsi tra Prealpi e pedemontane, esaurendosi definitivamente in serata.

Da venerdì il tempo tornerà generalmente soleggiato o al più variabile, ma asciutto, fatta salva la consueta instabilità termo-convettiva a ridosso dei crinali alpini. La giornata di domenica 9, tuttavia, potrebbe risultare instabile con possibilità di nuove precipitazioni in particolare nelle province settentrionali (specie nel pomeriggio), ma sarà necessario riaggiornarsi a riguardo. Le temperature, in accordo con la temporanea sostituzione di massa d’aria in sede padana, osserveranno un lieve calo, pur mantenendosi a livelli ancora pienamente estivi (massime sui 27/29°C, fino a 30°C nel weekend).

Print Friendly, PDF & Email

6 Giugno 2019 — 09:56 / Attualità
© Riproduzione riservata

Le news delle ultime 24 ore